Emozioni primarie: cosa sono e perché è importante conoscerle

Emozioni primarie: cosa sono e perché è importante conoscerle

Emozioni primarie da dove tutto nasce.

emozioni primarie

Le emozioni primarie sono alla base dei nostri comportamenti, sono quelle che ci permettono di sopravvivere e superare le difficoltà che ci si presentano davanti, ecco perché è fondamentale conoscerle. Sapere cosa c’è alla base di ciò che proviamo, inoltre, in alcune circostanze, ci aiuta a capire perché ci comportiamo in un determinato modo e questo, di concerto, fornisce più fiducia in noi stessi. Quindi se questo argomento stuzzica la tua curiosità non procrastinare oltre e continua nella lettura di questo articolo per conoscere qualche informazione in più sulle emozioni primarie.

“Reprimere le proprie emozioni è come avere una bomba a orologeria nel corpo.”

EMANUELA BREDA

Cos’è un’emozione?

emozioni primarie

Un’emozione è la risposta del nostro corpo a uno stimolo. Si generano esclusivamente in seguito a un evento che può accadere sia fuori che dentro di noi (molte volte l’essenziale è invisibile agli occhi ), sto parlando di un ricordo, un pensiero, un incontro, una notizia appresa da un amico, ecc. La scintilla che crea un’emozione è molto varia, questa, quando viene innescata, cresce fino a raggiungere un picco e poi pian piano si affievolisce. Nel periodo in cui viviamo tale sensazione il nostro organismo subisce dei cambiamenti fisici; si modifica: il battito del cuore, il valore della pressione arteriosa, la secrezione di ormonali e tanto altro.

Per approfondire meglio queste tematiche è opportuno usare i termini corretti, occorre capire che sentimenti ed emozioni non sono sinonimi. Infatti i primi sono dei comportamenti che abbiamo appreso in seguito a varie situazioni che hanno segnato la nostra vita e i secondo solo delle modificazioni momentanee.

Ti faccio un esempio: l’amore è un sentimento perché si costruisce nel tempo, rimane tale anche se si è in collera con una persona, non devi quindi confonderlo con il desiderio o la passione che sono emozioni.

“L’emozione sorge laddove corpo e mente si incontrano.”

ECKHART TOLLE

Consiglio

La citazione appena letta è contenuta nel libro “Il potere di adesso. Una guida all’illuminazione spirituale” di Eckhart Tolle. In questo testo l’autore ci conduce in un un viaggio stimolante e straordinario alla scoperta del potere di adesso, per scoprire che possiamo trovare la via d’uscita al dolore lasciandoci andare al presente, senza più restare ancorati al passato o proiettati verso le preoccupazioni sul futuro. Per intraprendere il viaggio ne “Il Potere di Adesso” abbiamo bisogno di lasciare da parte la nostra mente ed il falso sé che questa ha creato: l’ego. Ti consiglio la lettura, qui sotto trovi un piccolo estratto

Quali sono le emozioni primarie?

emozioni primarie

Lei emozioni primarie si chiamano così perché sono quelle base, presenti sia nell’uomo che negli animali. Dalla combinazione di queste si generano quelle secondarie, tipiche della specie umana. 

Le emozioni primarie sono le seguenti:

  1. paura, si attiva quando ci sentiamo in pericolo;
  2. rabbia, si accende quando ci sentiamo minacciati;
  3. tristezza, si manifesta se non riusciamo a ottenere ciò che vogliamo;
  4. gioia è un intenso senso di appagamento;
  5. sorpresa è la reazione a qualcosa di inaspettato;
  6. disgusto, spesso appare quando percepiamo con i nostri sensi qualcosa che non ci piace.

Perché è importante conoscere le emozioni primarie?

emozioni primarie

Le emozioni primarie, oltre a creare un cambiamento nel nostro fisico e nella nostra mente, si manifestano anche con specifiche espressioni facciali o con modificazioni della posizione del nostro corpo. Il linguaggio del corpo è un aspetto da tener sempre in considerazione, sia per l’interpretare le proprie emozioni primarie ma anche quelle altrui. Ad esempio se abbiamo paura istintivamente ci ritraiamo e scappiamo. Queste sono innate, si accendono una per volta e si manifestano tutte completamente nell’arco dei primi due anni. 

Le emozioni primarie sono fondamentali per la sopravvivenza di una persona, la proteggono da ciò che potrebbe essere potenzialmente un pericolo e la fanno avvicinare, invece, a tutto ciò che dà felicità o gioia. Quindi devi comprendere che è normale provare sensazioni negative, come paura, rabbia o tristezza, queste non devono essere considerate come un limite ma piuttosto come un vantaggio da sfruttare per capire quale strada prendere.

Inoltre senza le emozioni primarie non si potrebbero avere quelle secondarie, indispensabili per la socialità cioè per avere un confronto positivo con gli altri, indispensabile per affermarsi e crescere. 

Conclusione

Conclusione

Hai quindi capito cosa sono le emozioni primarie. Come avrei ben intuito saperle interpretare è fondamentale, questo vale sia per le proprie, sia per quelle delle persone che ti circondano. Questo ti aiuterà ad affrontare al meglio ogni tua situazione, aumentando la tua autostima e sicurezza in te stesso/a. A mio avviso, saper “leggere le emozioni è un “must” nel percorso della crescita personale, molte volte saper valutare il linguaggio del corpo ti potrà dare un vantaggio molto importante.

procrastinare

Questo sito vuole trasmetterti consapevolezza e fornirti strumenti utili che ti aiutino giorno dopo giorno per vederti più felice e di successo.  Questo è solo uno dei tanti strumenti e risorse che troverai qui su So di Non Sapere.

Iscriviti alla nostra newsletter gratuita per esser sempre aggiornato sui nostri articoli!

Ale firma
Come mantenere la calma in ogni situazione

Come mantenere la calma in ogni situazione

Come mantenere la calma quando perdiamo il controllo

Come mantenere la calma

Sapere come mantenere la calma anche quando fuori e dentro di noi c’è un turbinio di emozioni potrebbe essere la scelta vincente per dare il massimo in ogni situazione. Riuscire a riacquistare un po’ di pace interiore è senza dubbio una competenza che può tornare utile in vari momenti della vita. Infatti succede spesso di essere travolti da impeti incontrollabili causati da fattori esterni, ad esempio provocazioni mosse da colleghi di lavoro. Altrettanto di sovente, però, siamo noi stessi che ci poniamo ostacoli creando problemi che sembrano davvero insormontabili. Leggendo questo articolo scoprirai come mantenere la calma anche in quelle situazioni che appaiono davvero difficili da affrontare.

“Impara ad essere calmo e sarai sempre felice.”

Paramahansa Yogananda

Come mantenere la calma quando nel nostro corpo c’è un forte stress?

Come mantenere la calma

La nostra mente è una sorta di computer molto avanzato, a volte possiamo pensare che funzioni male perché sembra metterci i bastoni tra le ruote, ma occorre sapere che ogni stimolo che ci fornisce ha un senso. Può capitare, infatti, di essere investiti da emozioni negative, come rabbia, panico e angoscia, queste sono emozioni primarie, e possono ostacolarci nelle nostre attività tanto che siamo spinti a chiederci come mantenere la calma

Se si tratta di stati d’animo passeggeri questi non sono negativi anzi ci permettono di dare di più. Il nostro corpo è all’erta non solo mentalmente ma anche fisicamente, ad esempio aumentando i battiti cardiaci; ciò permette di affrontare con uno sprint maggiore un momento difficile della vita.

Nel caso in cui tale situazione, però, si presenti quotidianamente, anche quando in realtà non c’è nessun ostacolo difficile da superare, è opportuno conoscere delle metodologie per sapere come mantenere la calma. Infatti un atteggiamento del genere, a lungo andare, potrebbe portare, invece che al miglioramento di una performance, a un calo delle prestazioni e a un sicuro fallimento. 

“Tutta l’infelicità degli uomini deriva da una sola cosa: dal non sapersene stare tranquilli in una stanza.”

Blaise Pascal

Sapere come mantenere la calma ci aiuta a dare il massimo

Come mantenere la calma

Sapere come mantenere la calma, raggiungere la propria pace interiore, in alcune circostanze, può essere davvero una salvezza, ci permette di riprendere il controllo del nostro corpo e affievolire quei sentimenti che si attivano automaticamente nella mente. Tale situazione crea, a sua volta, delle reazioni a cascata che determinano il rilascio di neurotrasmettitori e ormoni che generano spesso anche un malessere fisico, che può essere d’intralcio al pensiero. 

Quindi venire a conoscenza di tecniche efficaci per sapere come mantenere la calma può essere utile in qualsiasi circostanza. Queste sono indispensabili per riprendere il controllo della propria vita quando le emozioni negative, che ci fanno stare male, hanno preso il sopravvento.

Consiglio

Come avrai capito la meditazione gioca un ruolo fondamentale nell’autocontrollo, la consapevolezza è considerata l’elemento centrale della meditazione buddista, ma la sua essenza è universale e di profonda utilità pratica per tutti. Essenzialmente la consapevolezza è essere sempre vigili e, malgrado sia caratteristico della nostra mente innestare il pilota automatico e perdere il contatto con l’unico momento, quello presente, di cui effettivamente disponiamo per vivere, sentire, crescere, amare, dare forma alle cose o guarire, essa possiede anche l’innata capacità di destarsi al «qui e ora». Jon Kabat-Zinn traccia un percorso semplice per coltivare la consapevolezza nella nostra vita, in questo splendido testo intitolato “Dovunque tu vada ci sei già. In cammino verso la consapevolezza“. Trovi qui sotto un estratto Kindle :

L’autocontrollo si può apprendere

Come mantenere la calma

Ma quindi.. Come mantenere la calma? In pochi passi potrai apprendere quelle che sono le regole fondamentali per ragionare in modo lucido e affrontare al meglio ogni ostacolo nel qui ed ora . Nello specifico puoi:

  • riflettere prima di agire; meglio prendersi un momento per processare lo stimolo ricevuto dall’esterno o dall’interno così da analizzare razionalmente la situazione e arginare l’istinto che, di solito, ci induce a prendere la scelta sbagliata;
  • respirare ritmicamente e regolarmente, facendo entrare l’aria dalle narici e gonfiando prima la pancia e poi il torace; in seguito espellere l’aria completamente, sempre dal naso. Questo respiro è forzato ciò vuol dire che è controllato dalla mente, che deve necessariamente prendersi una pausa dai pensieri che la preoccupano per riuscire ad attuarlo, allo stesso tempo, però, riesce a regolarizzare l’attività dei nostri organi.

La soluzione più efficace per sapere come mantenere la calma è quella di staccare la mente ed evitare di pensare ossessivamente alla fonte della nostra paura, ma se questo non si riesce a fare è opportuno crearsi delle alternative positive. Non pensare sempre che andrà tutto male ma creare delle visioni in cui possiamo farcela.

Conclusione

Conclusione

Cercare di calmarsi soprattutto quando si è in una situazione concitata è tutto tranne che semplice; sia questo provenga dal nostro interno od esterno è fondamentale seguire principalmente le due indicazioni sopra riportate e vedrai che ne gioverai sin da subito per la tua vita di tutti i giorni.Riuscire ad esser in pace con se stessi dovrebbe esser il tuo scopo principale, in questo articolo ti spiego come avvicinarti alla tua pace interiore.Molte volte l’essenziale è invisibile agli occhi e interpretare le proprie emozioni primarie è un cardine fondamentale per la tua crescita personale.

procrastinare

Questo sito vuole trasmetterti consapevolezza e fornirti strumenti utili che ti aiutino giorno dopo giorno per vederti più felice e pronto alla vita di tutti i giorni. Questo è solo uno dei tanti strumenti e risorse che troverai qui su So di Non Sapere.

Iscriviti alla nostra newsletter gratuita per esser sempre aggiornato sui nostri articoli!

Ale firma
Invidia come difendersi da chi ci vuole male?

Invidia come difendersi da chi ci vuole male?

Invidia? Ecco come difendersi!

Invidia come difendersi

Invidia come difendersi?” Questa domanda sarà sicuramente sorta nella mente di tutti coloro che sono bersaglio di qualche amico o collega di lavoro che vorrebbe prevaricarli, ottenendo i loro medesimi traguardi, senza avere un esito positivo nell’impresa. La tristezza e la frustrazione di non riuscire a conquistare ciò che sperano sono, quindi, riversate completamente sulla persona che viene di mira trasformando la sua vita in un vero e proprio film dell’orrore.

Sporadicamente, a tutti sarà capitato di provare invidia verso un conoscente, ma se si tratta di un sentimento circoscritto e non patologico non è da temere, ben più grave è la situazione se diventa una vera ossessione. Continua nella lettura di questo articolo e imparerai a conoscere tutto ciò che c’è da sapere su invidia come difendersi.

“Non ti curar di lor, ma guarda e passa.”


DANTE ALIGHIERI

Cos’è l’invidia?

Invidia come difendersi

L’invidia è un’emozione secondaria, questa si differenzia da quelle primarie in quanto si tratta di sensazioni più complesse che si originano nelle fasi della crescita. Si può definire come una sensazione spiacevole che crea un contrasto verso una persona specifica a causa di qualche bene materiale che possiede o un traguardo raggiunto, tanto da desiderare che quell’individuo perda questa cosa o che venga colpita da un evento infausto. 

Attenzione a non confondere l’invidia con la gelosia, anche se le due emozioni sembrano molto simili in realtà sono differenti in quanto quest’ultima si riferisce al timore di perdere qualcosa che ci è caro.

 Sintetizzando, se si prova:

  • invidia si desidera qualcosa che non si ha;
  • gelosia si ha paura di perdere qualcosa che si possiede.

“Non farti sopraffare dall’invidia altrui, l’alimenteresti e metterebbe radici nel tuo animo.”

MICHELE SCIRPOLI

Comprendere le motivazioni alla base di questo sentimento

Invidia come difendersi

Come tutte le emozioni, anche l’invidia, per quanto possa sembrare negativa ha senso di esistere: potrebbe essere la molla che ci induce a migliorare o ci fa aprire gli occhi sulla situazione che stiamo vivendo. Se tale sensazione, però, diventa un’ossessione, soprattutto verso una singola persona, potrebbe diventare patologica. 

Invidia come difendersi? In tali circostanze questa domanda diventa lecita, infatti, come tutte le patologie anche quelle della personalità possono ferire le persone che ne sono il bersaglio rendendo la loro vita impossibile. L‘invidioso patologico potrebbe nutrire questo sentimento a causa di traumi infantili e privazioni avute durante l’infanzia, quindi la sua frustrazione si origina da una vita travagliata che gli ha portato molte delusioni.

Consiglio

Un romanzo molto carino che parla dell’invidia si chiama “Invidia il prossimo tuo” di John Niven. In questo testo si parla di invidia di come questa possa esser davvero una brutta bestia.. Una storia davvero molto carino scritta in maniera scorrevole dall’autore. Ti lascio qui di seguito l’estratto kindle:

Come difendersi se si è preda dell’invidia altrui?

Invidia come difendersi

Invidia come difendersi? Ci sono alcune tattiche che possono placare il sentimento di rancore che ci viene riversato addosso da qualcuno che vorrebbe avere qualcosa che ci appartiene o non si dà pace per un traguardo che abbiamo raggiunto. L’invidia non fa star male solo chi la prova ma pure la persona bersaglio, in quanto si potrebbe manifestare con atteggiamenti di aggressione psicologica in ufficio, nella propria cerchia di amici, in famiglia o anche sui social.

Invidia come difendersi : 3 Tips

Invidia come difendersi
  • Parlare e chiarirsi, questa è la prima strada da tentare; in questo modo si possono mettere le carte in tavola e capire come stanno davvero le cose, magari c’è stato solo un fraintendimento;
  • cercare di stare alla larga dal soggetto che ci fa stare male o bloccarlo su Facebook, Instagram o dovunque ci sta tormentando;
  • mostrarsi sempre sicuri di sé e non dare la sensazione a chi ci invidia di aver vinto con il suo atteggiamento provocatorio.

Conclusione

Conclusione

Come puoi vedere non ci vuole tanto per bloccare l’invidia di qualcun altro, questi piccoli accorgimenti, certamente, ti consentiranno di essere più sereno ed eliminare l’ansia e l’angoscia che questo tipo di persona può creare, aumentando la fiducia in te stesso.

procrastinare

Questo sito vuole trasmetterti consapevolezza e fornirti strumenti utili che ti aiutino giorno dopo giorno per vederti più felice e pronto alla vita di tutti i giorni. Questo è solo uno dei tanti strumenti e risorse che troverai qui su So di Non Sapere.

Iscriviti alla nostra newsletter gratuita per esser sempre aggiornato sui nostri articoli!

Ale firma
Come vincere la paura in un lampo.

Come vincere la paura in un lampo.

Come vincere la paura e conseguire una vittoria personale

Come vincere la paura

Se ti è capitato, anche solo una volta, di voler sapere come vincere la paura sei nel posto giusto, in questo articolo ti darò qualche spunto per riconoscere questo sentimento e delle tips da mettere in pratica quando sei stufo di tirarti indietro davanti a una situazione proprio perché sei spaventato. 

Inizio col dirti che in questo percorso non sei solo, tutti gli esseri umani provano paura in quanto è un’emozione primaria, non esiste nessuno che non abbia mai avuto un cedimento davanti a qualcosa, questo pensiero già dovrebbe risollevarti e farti sperare che puoi superare il tuo timore e raggiungere tutti i tuoi obiettivi.

Cos’è la paura?

Come vincere la paura

La paura è un’emozione con un’accezione negativa, si tratta di una protezione della nostra mente che, per allontanarci da qualcosa, ci induce timore. Ti faccio qualche esempio, nel caso in cui ci trovassimo faccia a faccia con un leone il nostro istinto sarebbe quello di ritrarci e scappare perché sappiamo che questo animale può essere aggressivo per l’uomo.

In altri casi, però, questo meccanismo si attiva anche davanti a situazioni che non sono di per sé pericolose ma noi le avvertiamo tali per un nostro trascorso o per esperienze vissute. Questo è il caso in cui è lecito capire come vincere la paura per eliminare delle barriere mentali che ci siamo costruiti e ci precludono di raggiungere alcuni obiettivi.

Come riconoscerla

Come vincere la paura

Prima di capire come vincere la paura dobbiamo riconoscerla; questo sentimento si manifesta quando temiamo per la nostra vita o per la nostra incolumità e desideriamo preservarci da una brutta esperienza. La paura nasce dalla mente la quale associa una cosa o una determinata circostanza a un pericolo; da qui nascono tutte le sensazioni brutte che proviamo come:

  • voglia di fuggire;
  • tachicardia
  • sudorazione aumentata;
  • difficoltà a parlare;
  • ansia;
  • mal di pancia;
  • respiro affannato. 

Se una situazione ci provoca, tutte le volte che la viviamo, tali sensazioni allora possiamo identificarla come spaventosa per noi. Si tratta di paura sia se uno specifico oggetto o luogo dove si è verificato un trauma ci terrorizza o se tutte le situazioni che presentano le stesse caratteristiche ci inducono un rifiuto e orrore.

Consiglio

Nel suo testo “Cambiare senza paura“, Roberto Re ci racconta la sfida del cambiamento non prevede pareggio: o si vince o si perde! Nel mondo attuale, chi rifiuta il cambiamento è destinato a vivere in una sorta di inferno, fatto di paure, delusioni, frustrazioni, povertà. Chi invece decide di cavalcarlo ha la possibilità di accedere a un vero e proprio paradiso fatto di opportunità di crescita e ricchezza come mai ce ne sono state. Sul lavoro, nelle relazioni, nel rapporto tra genitori e figli, tutto è cambiato nel corso di pochi anni. I vecchi schemi mentali risultano inefficaci quando proviamo ad applicarli alle novità che emergono ogni giorno. Eppure, anche se prendiamo consapevolezza dell’ineluttabilità delle trasformazioni, ugualmente ne siamo spaventati. Ti lascio qui un piccolo estratto Kindle :

Consigli per sapere come vincere la paura concretamente

Come vincere la paura

Per riuscire a sapere come vincere la paura bisogna identificare ciò che ci turba. Se si tratta di qualcosa di concreto, come un animale, gli insetti, i clown, le grandi altezze, l’acqua profonda, è più facile dare un nome a ciò che stiamo combattendo, invece se il fremito di terrore appare in situazioni non ben definite sarà più difficile combattere la paura. 

Ad esempio se hai il terrore di incontrare persone nuove devi riuscire a comprendere cosa, in particolare, ti spaventa: la paura di sbagliare, la possibilità di essere preso in giro, il timore del giudizio degli altri, l’ansia di non essere all’altezza e così via.

Una volta capito cosa ti fa orrore sei già a buon punto per combattere la paura, ora conosci il tuo antagonista solo tu puoi sconfiggerlo. Il modo migliore per farlo è affrontarlo, devi cercare il coraggio e la forza d’animo dentro di te per superare le barriere che mette la tua mente. 

A chi ha paura dei cani si consiglia spesso di provare ad adottare un cucciolo in quanto stando a tu per tu con il proprio timore questo sparisce. Lo stesso vale per qualsiasi altro tipo di paura: vivendo al fianco di ciò che fa spaventa il rifiuto per una situazione, una persona o un oggetto man mano si affievolisce fino a non costituire più un problema.

Conclusione

Avrai intuito dalla lettura di questo articolo che buona parte del discorso lo fai tu. Nel bene e nel male sei tu che definisci il tuo percorso. Non ti resta che prender di petto la situazione, questo farà aumentare la tua autostima, ti permetterà di raggiungere obiettivi inimmaginabili. Cosa aspetti? Affronta le tue paure, trova il senso della tua vita.

procrastinare

Questo sito vuole trasmetterti consapevolezza e fornirti strumenti utili che ti aiutino giorno dopo giorno per vederti più felice e pronto alla vita di tutti i giorni. Questo è solo uno dei tanti strumenti e risorse che troverai qui su So di Non Sapere.

Iscriviti alla nostra newsletter gratuita per esser sempre aggiornato sui nostri articoli!

Ale firma