La procrastinazione è simile alla pigrizia? Scopri perché non lo è!
Pubblicato il Agosto 5, 2020

Procrastinazione è sinonimo di pigrizia? Quali sono le differenze tra questi due concetti? All’interno della nostra guida scoprirai come pigrizia e procrastinazione differiscano concretamente in termini di significato.

procrastinazione

Usa il tempo, non lasciare che scivoli via.

WILLIAM SHAKESPEARE

Sei curioso di scoprire in che modo la procrastinazione colpisce i tuoi buoni propositi? Continua a leggere l’articolo!

Qual è la differenza tra procrastinazione e pigrizia?

Siamo pigri se siamo in grado di svolgere alcune attività che dovremmo svolgere, ma non siamo propensi a farlo a causa dello sforzo richiesto. In breve, siamo pigri se la nostra motivazione per risparmiare lo sforzo supera la nostra motivazione a fare la cosa giusta o migliore o prevista.I sinonimi di pigrizia includono indolenza e ozio. Tuttavia, questi termini non devono essere confusi con la procrastinazione. Procrastinare – dal latino cras, “domani” – è rinviare un compito a favore di un altro o di altri che sono percepiti come più facili o più piacevoli ma che sono in genere meno importanti o urgenti.

Procrastinazione

Rinviare un’attività per scopi costruttivi o strategici non equivale a procrastinare. Affinché un rinvio costituisca una procrastinazione, deve rappresentare una pianificazione scadente o inefficace e comportare un costo complessivo più elevato per il procrastinatore, ad esempio sotto forma di stress, colpa, perdita di produttività o opportunità. Una cosa è ritardare una dichiarazione dei redditi fino a quando tutti i numeri non sono presenti, un’altra è ritardarla in modo da sconvolgere i nostri piani di vacanza e farci pagare una multa!

I veri motivi per cui procrastini: no, non è pigrizia

Procrastinare, quindi, significa: “lo faccio domani!”. Questo è ciò che dice la maggior parte delle persone quando procrastinano. Ma come sappiamo tutti, questa frase viene detta anche il giorno dopo e alla fine, si rimanda il compito all’ultimo momento per finire poi a non portarlo mai a termine.

procrastinazione

Ecco perché la procrastinazione lentamente porta la tua ambizione a morire se non reagisci. Senza che tue te ne accorga, scivoli nell’abitudine di rimandare tutto a domani. Ogni volta che rinvii il tuo lavoro, rafforzi le catene della procrastinazione.

Poi un giorno noterai quanta resistenza interiore senti praticamente verso qualsiasi tipo di lavoro, non importa quanto facile sia. Ed è allora che la maggior parte delle persone si definisce pigra. Ma la verità è che non procrastini perché sei pigro. Infatti, questa condizione ha ragione completamente diverse per esistere e ha ragioni molto più profonde nella tua mente.

Quando si agisce cresce il coraggio, quando si rimanda cresce la paura.

PUBLILIO SIRO

Consiglio

Devi lavorare sulla tua volontà. Aumentare la perseveranza con la quale lavori giorno dopo giorno su te stesso\a. Angela Duckworth con il suo saggio Grinta. Il potere della passione e della perseveranza, dove spiega che il segreto per raggiungere risultati notevoli non è il talento, ma appunto la grinta intesa come miscela di passione e costanza.

Procrastinazione: una battaglia senza fine tra il te presente e il te futuro

La procrastinazione può essere meglio descritta come il comportamento di agire contro il tuo miglior giudizio. È quando fai X quando sai che dovresti effettivamente fare Y. È quando stai guardando Netflix quando sai che dovresti davvero scrivere il tuo libro o studiare per il tuo esame. In quei momenti, il tuo “sé presente” non è allineato con il tuo sé futuro.

Abbiamo due versioni di noi stessi. Prima di tutto, c’è un “io futuro” che fissa gli obiettivi e sogna quanto sarà roseo ciò che verrà dopo. Questa versione di te stesso comprende l’importanza del duro lavoro, della coerenza e del portare alla fine un’attività. Poi, c’è il nostro “sé presente”, colui che è realmente responsabile di sedersi e iniziare a lavorare. Il problema è che il sé attuale preferisce gratificazioni istantanee rispetto ai premi a lungo termine, e quindi le due versioni si scontrano spesso.

Dove l’io presente vuole finire di vedere la serie TV che tanto ti appassiona, l’io futuro vuole portare a termine il capitolo dell’esame che stai studiando. Tuttavia, è il “sé presente” che può svolgere il lavoro, non il “sé futuro”. Quando il sé presente e il “sé futuro” non sono allineati tra loro, iniziamo a cedere a gratificazioni istantanee come social media, Netflix, videogiochi, fast food o altre distrazioni che ci fanno sentire bene al momento. Questo è quello che succede quando procrastiniamo.

Procrastinazione : Presente e Futuro

Procrastinazione

Tuttavia, a volte il “sé presente” e il “sé futuro” sono completamente allineati tra loro. Il nostro sé presente in realtà si sente motivato a sedersi e fare il lavoro che il nostro sé futuro richiede e si aspetta. In quei momenti, le nostre azioni finalmente corrispondono alla nostra ambizione. Questo non è affatto casuale, anche se spesso può sembrare. Quando il tuo “sé presente” e quello futuro sono allineati, hai in qualche modo applicato alcune delle strategie per evitare la procrastinazione che puoi trovare all’interno di questo blog.

Conclusione

Conclusione

Come abbiamo visto nell’articolo le due definizioni viaggiano molto spesso a “braccetto”, tuttavia vi sono metodi per riuscire a sconfiggere la procrastinazione in maniera efficace. Nel mio articolo Procrastinare: cosa vuol dire? Qual’è il suo perchè? definisco in maniera chiara il “nemico” e nell’articolo Procrastinare: impara a riconoscere il problema e risolvilo ti offro sin da subito una soluzione pratica per affrontare la procrastinazione 😉

procrastinare

Questo sito vuole trasmetterti consapevolezza e fornirti strumenti utili che ti aiutino giorno dopo giorno per vederti più felice e di successo.  Questo è solo uno dei tanti strumenti e risorse che troverai qui su So di Non Sapere.

Iscriviti alla nostra newsletter gratuita per esser sempre aggiornato sui nostri articoli!

Ale firma

Ale

Curioso, scrittore, viaggiatore ed avido lettore di cose interessanti. Negli ultimi dieci anni ha sperimentato come imparare e pensare meglio. Non promette di avere tutte le risposte, solo un punto di partenza.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *